Il prossimo carrello della spesa potrebbe riservare delle sorprese: il Trimestre Tricolore, noto anche come “Trimestre Anti-inflazione” o “Paniere Tricolore”, si avvicina.

Dal 1° ottobre fino al 31 dicembre 2023 l’iniziativa (voluta dal ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso) prevede l’offerta di prodotti a prezzi calmierati, un’operazione che prende il nome dal “bollino anti-inflazione” che contrassegnerà gli articoli interessati.

Cos’è il Trimestre Tricolore e perché è stato introdotto?

L’iniziativa “Trimestre Tricolore” nasce come risposta all’aumento dei prezzi al consumo e all’inflazione crescente, con l’intento di aiutare le famiglie italiane. Secondo dati OCSE, l’inflazione in Italia sta rallentando, passando dal 7,6% al 6,4% nell’ultimo mese, ma resta comunque molto più alta rispetto al livello “desiderabile” del 2%.

L’iniziativa prevede promozioni dedicate e prezzi fissi e speciali per prodotti di marca e di largo consumo; le grandi catene avranno la libertà di decidere se e come applicare queste riduzioni, cercando sempre di offrire beni essenziali a prezzi contenuti.

Conad aderisce al Trimestre Tricolore

Conad, presieduto da Mauro Lusetti, è stata tra le prime catene a mostrare pieno sostegno all’iniziativa: pur in un contesto di incertezza e dubbi espressi da alcuni produttori, Conad ha ribadito la propria volontà di sostenere le famiglie italiane.

La catena si impegnerà ulteriormente attraverso l’iniziativa “Bassi e Fissi”, ampliando il paniere di prodotti e introducendo formati più grandi e multipack: quest’ultimo progetto, lanciato nel 2013, ha permesso alle famiglie di risparmiare in media il 26,5% su prodotti essenziali.

Conad sta inoltre mettendo in campo i suoi prodotti a marchio per offrire qualità e convenienza, una strategia che ha registrato un aumento del fatturato del 12,6% nel 2022.

Anche Coop partecipa al Trimestre Tricolore

Secondo Il Corriere della Sera (22 settembre 2023) anche Coop aderirà all’iniziativa del MIME, anzi avrebbe desiderato che ci fosse una maggiore collaborazione da parte dell’industria alimentare che avrebbe permesso di avere risultati ancora più incisivi.

Il volantino Esselunga per il trimestre anti-inflazione

Alcune catene, come Esselunga, hanno dedicato un volantino a tutti quei prodotti su cui è possibile risparmiare durante il Trimestre Tricolore.

Le altre adesioni di categoria

Ecco un elenco, non esaustivo, delle principali organizzazioni di categoria che hanno espresso la loro adesione al Trimestre Tricolore:

  • Federdistribuzione
  • Confcommercio
  • Confesercenti
  • Centromarca
  • Unionfood
  • IBC
  • Federalimentare
  • Coldiretti
  • Confcooperative Fedagripesca
  • Confcooperative Consumo e Utenza
  • Federfarma
  • Federazione parafarmacie
  • Assogiocattoli

Elenco completo insegne che aderiscono al Trimestre Tricolore

Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy ha pubblicato una pagina dove consultare le insegne che aderiscono al Trimestre Tricolore, dividendole per regione e poi per provincia.

L’elenco è disponibile a questa pagina.

Critiche al Trimestre Tricolore

Sebbene l’iniziativa sembri promettente ha suscitato diverse perplessità, soprattutto dal settore industriale: Federconsumatori, Adoc e Assoutenti, tra le associazioni dei consumatori, hanno espresso preoccupazioni e rammarico per la direzione presa dalla trattativa tra il Ministero delle Imprese e le aziende produttrici, enfatizzando la necessità di interventi più concreti per contrastare l’inflazione.

L’Unione Consumatori considera il Trimestre Tricolore come una “Iniziativa spot, inutile” Aggiungendo che “se i prezzi davvero cominciassero a scendere, bloccarli sarebbe controproducente”.

Tra le principali criticità che sono state individuate, spiccano l’assenza di una lista di prodotti e il relativo prezzo imposto: in pratica, è il timore, saranno le singole aziende a decidere per quali prodotti bloccare il prezzo e il livello su cui questo sarà fissato, una situazione che potenzialmente è in grado di annacquare la portata dell’iniziativa.

D’altro canto, è invece altamente probabile una certa corrispondenza tra i prodotti con il Bollino anti-inflazione e le categorie di prodotti di prima necessità acquistabili con la carta Dedicata a te.