Iscriviti alla nostra Newsletter!

(Privacy)

Ricevi gratis via mail una volta a settimana le migliori offerte »

Shopping nei centri commerciali, domeniche di apertura, aperture straordinarie, outlet, offerte volantino, sottocosto, acquisti online e altri consigli per gli acquisti.

Torna su
Cerca:

Centri commerciali chiusi in Lombardia sabato e domenica dal 24 ottobre 2020? Ecco la situazione delle aperture dei supermercati [Aggiornato]


| 20 ottobre 2020



Regione Lombardia è pronta a chiudere di nuovo i centri commerciali e le medie superfici di vendita nei fine settimana.

La proposta, emersa da una conferenza che si è tenuta lunedì 19 ottobre 2020 con i Sindaci dei Comuni capoluogo e il presidente di ANCI (l’Associazione dei Comuni), è stata votata all’unanimità e ha ottenuto una sostanziale condivisione da parte del Ministro della Salute, Roberto Speranza.

La chiusura potrebbe cominciare già da sabato 24 ottobre: chi riguarderà?

Vai all’ultimo aggiornamento

Al momento tutte queste indicazioni sono contenute in una nota, che è stata fatta circolare sul sito ufficiale di Regione Lombardia e a mezzo stampa. Quindi sono piuttosto generiche.

Nel testo diffuso si dice che “Tutte le parti intervenute hanno condiviso l’opportunità della chiusura, nelle giornate di sabato e domenica, della media e grande distribuzione commerciale. Tranne che per gli esercizi di generi alimentari e di prima necessità.

Già la sintassi appare frettolosa, indice probabile di un argomento che è stato sì dibattuto ma ancora non dettagliato con precisione.

Di certo c’è che l’emergenza sanitaria e le proiezioni sui dati dei contagi che sono in mano alla Regione – e che parlano di 600 ricoveri in terapia intensiva e 4.000 in generale entro il 31 ottobre stando le cose come sono oggi – spaventano e suggeriscono di tornare a imporre delle limitazioni, in modo da cercare di contenere, per quanto possibile, la diffusione del COVID-19.

L’ipotesi più accreditata nel momento in cui scriviamo è quella di un’Ordinanza di Regione Lombardia che potrebbe arrivare secondo alcuni già oggi, martedì 20 ottobre, oppure al più tardi entro giovedì 22, indicando la cornice normativa entro cui potranno muoversi i diversi esercizi.

Lo scorso marzo, durante la fase più acuta e critica dell’emergenza, i centri commerciali erano rimasti aperti solo limitatamente alla zona dell’ipermercato (o supermercato) che tipicamente ospitano. Gli ingressi erano contingentati e si consigliava di accedere solo a una persona per famiglia, o preferire le modalità di acquisto a distanza come la consegna a domicilio o il “clicca e ritira” .

Tutti i negozi di altro genere erano stati chiusi, e riaperti solo dopo alcune settimane con prescrizioni sanitarie piuttosto rigide che ne hanno condizionato l’attività.

Unieuro, MediaWorld, IKEA, Decathlon… Tante catene avevano scelto di chiudere i loro punti vendita o avevano subito la decisione della chiusura; altre, come Leroy Merlin, erano rimaste aperte in parte solo in quanto nei negozi ci sono materiali elettrici e altri oggetti che possono essere indispensabili e non rimandabili in ambito domestico.

Quali saranno le indicazioni per loro stavolta?

Da una parte lo scenario potrebbe essere simile, o addirittura replicato; dall’altra il riferimento agli esercizi che vendono generi “di prima necessità” lascia spazio a qualche interpretazione ampia, per esempio che ricomprenda i negozi di abbigliamento per bambini o le cartolerie (dal momento che le scuole sono aperte).

Vi terremo aggiornati non appena lo scopriremo: continuate a seguirci, anche LIVE sul nostro canale Telegram

Aggiornamento del 21 ottobre 2020

Un’ordinanza stabilisce in Piemonte la chiusura dei centri commerciali il sabato e la domenica a partire dal 24 ottobre, ad esclusione degli esercizi di vendita di generi alimentari, farmacie e studi medici, locali di ristorazione e tabaccherie.

Inoltre rimarranno chiuse dalle ore 00:00 alle ore 05:00 tutte le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le farmacie, mentre dopo le ore 21:00 sarà impossibile acquistare alcolici (anche attraverso apparecchi automatici), fatta eccezione per il consumo al tavolo nei ristoranti.

Aggiornamento del 21 ottobre alle 20.50

È ufficiale l’Ordinanza di Regione Lombardia, che conferma – e in alcuni casi amplia – le disposizioni anticipate dalla nota con cui abbiamo aperto questo post.

In particolare, si legge:

Art. 2 (Limitazioni alle aperture delle grandi strutture di vendita e dei centri commerciali nei fine settimana)

1. Nelle giornate di sabato e domenica è disposta la chiusura delle grandi strutture di vendita nonché degli esercizi commerciali al dettaglio presenti all’interno dei centri commerciali. La disposizione […] non si applica alla vendita di generi alimentari, alimenti e prodotti per animali domestici, prodotti cosmetici e per l’igiene personale, per l’igiene della casa, piante e fiori e relativi prodotti accessori, nonché alle farmacie, alle parafarmacie, alle tabaccherie e rivendite di monopoli.

Quindi questi sono gli unici generi di negozi che potranno restare aperti nel weekend

Art. 3 (Misure per prevenire l’affollamento all’interno degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e degli esercizi commerciali al dettaglio)

1. È fatto obbligo […] di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti.

2. Tali esercizi devono adottare regole di accesso, in base alle caratteristiche dei locali, in modo da evitare assembramenti e assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti. In particolare, le medie e grandi strutture di vendita devono garantire quanto previsto al periodo precedente, dando priorità, ove possibile, a modalità (app, internet etc.) di prenotazione dell’accesso all’esercizio.

Per chi vuole leggere il testo completo dell’Ordinanza n. 623 del 21 ottobre 2020, questo è disponibile in un PDF sul sito di Regione Lombardia

Aggiornamento del 23 ottobre

Regione Lombardia ha pubblicato le FAQ per offrire dei chiarimenti sui punti più controversi dell’Ordinanza che decreta la chiusura dei centri commerciali nel fine settimana.

Riassumiamo le linee principali:

  • Le attività di somministrazione possono rimanere aperte, quindi bar, ristoranti, fast food e altri esercizi assimilabili non sono costretti a chiudere
  • Le attività artigianali di servizio alla persona possono rimanere aperte: rientrano in questa categoria i parrucchieri, estetisti, lavanderie e tintorie

Aggiornamento del 24 ottobre alle 0.30

Qualche indicazione dalle diverse catene:

Euronics: sono aperti, anche nel weekend, i punti vendita di

  • Milano – corso Lodi
  • Milano – v. Vittorio Veneto
  • Milano – v. Aretusa
  • Milano – v. Monza
  • Milano – c.so XXIII marzo
  • Monza – c.so Milano
  • Vimercate
  • San Vittore Olona
  • S. Giuliano Milanese
  • Broni

IKEA: tutti i punti vendita IKEA di Piemonte e Lombardia sono chiusi il sabato e la domenica fino al 13 novembre

Leroy Merlin: sabato e domenica, fino a domenica 13 novembre 2020 compresa, sono chiusi tutti i negozi Leroy Merlin in Lombardia e Piemonte a eccezione di Milano/Corsico e Lissone

MediaWorld: in Lombardia e Piemonte, tutti i negozi MediaWorld chiusi sabato e domenica a eccezione di

  • Alessandria
  • Milano Troya
  • Milano Rubattino
  • Lecco
  • Lipomo
  • Varese SMART
  • Brescia via Orzinuovi
  • Mantova

Aggiornamento del 27 ottobre

Novità che riguardano i centri commerciali anche in Sicilia: il Governatore della Regione, Nello Musumeci, ha imposto la chiusura domenicale dei negozi al massimo alle 14.

Consigliati per te



Iscriviti alla nostra newsletter!

Ricevi gratis, una volta a settimana, offerte e aperture dei centri commerciali!

Informativa sulla privacy