Iscriviti alla nostra Newsletter!

(Privacy)

Ricevi gratis via mail una volta a settimana le migliori offerte »

Shopping nei centri commerciali, domeniche di apertura, aperture straordinarie, outlet, offerte volantino, sottocosto, acquisti online e altri consigli per gli acquisti.

Torna su
Cerca:

Supermercati Aldi in Italia a fine 2017: ecco dove apre il discount anti LIDL e come funziona [AGGIORNATO: arrivano nel 2018]

Scritto da il 6 novembre, 2017 alle 16:49.

[Ultimo aggiornamento il 16 febbraio 2018] C’è una nuova catena di supermercati pronta ad aprire in Italia arricchendo l’offerta per i consumatori: è Aldi, il marchio tedesco che ha inventato il discount e che entro fine 2017 nel 2018 inizierà il proprio piano di espansione all’insegna di una politica fatta di prezzi bassi e offerte eccezionali, anche sulla tecnologia. Andiamo a scoprirlo più da vicino.

In Italia il nome Supermercati Aldi ancora non esiste, mentre in Germania è ben noto: è stato infatti quello che nel Secondo Dopoguerra ha “inventato” la formula del discount, facendo così tanta fortuna che nel giro di breve è riuscito a espandersi anche al di fuori dei confini tedeschi, in Francia, Gran Bretagna e persino negli Stati Uniti.

Nel nostro Paese abbiamo dovuto attendere fino a oggi, ma ormai ci siamo: i primi Supermercati Aldi in Italia sono pronti ad aprire, a cominciare dal Nord e in particolare da Castellanza (VA), Cantù (CO), Conegliano (TV) e Rovereto (TN).

Aggiornamento del 16 febbraio 2018:

Oltre a questi apriranno anche Bagnolo Mella (BS), Curno (BG), Peschiera del Garda (VR), Piacenza, San Donà di Piave (VE), Spilimbergo (PN) e Trento. C’è una data che vale per tutti: giovedì 1 marzo 2018!

Il piano di espansione della rete prevede 50/60 punti vendita entro pochi mesi (* 45 entro la fine del 2018), anche se il primo obiettivo dichiarato è il raggiungimento di quota 100.

A conferma di questa forte volontà di crescita c’è anche il sito ufficiale di Aldi Italia: in home non ci sono (almeno per ora) promozioni e offerte, ma trova spazio una sezione “Immobili” dove chi può e vuole ha la possibilità di segnalare un’area commerciale da far attenzionare.

Ma questa è un’altra storia. Quello che ci interessa maggiormente è approfondire la formula di vendita proposta dai supermercati Aldi, una catena nata come hard discount con una proposta basata su prezzi molto aggressivi anche a discapito del colpo d’occhio del negozio (dove i pallet l’hanno fatta a lungo da padroni), e cresciuta puntando su prodotti a marchio proprio (in gergo tecnico “private label”) offerti a prezzi bassissimi.

Aggiornamento del 16 febbraio 2018:

Aldi ha svelato anche i nomi di questi brand:

  • per la pasta, l’olio e altri confezionati tipici della dieta italiana c’è Regione Che Vai;
  • gli affettati sono I taglieri del re
  • i prodotti “bio” vanno sotto il marchio Natura Felice
  • per i latticini, Bontlà

Aldi è una catena di supermercati, quindi vende principalmente alimentari, ma nella sua proposta non mancano neppure gli elettrodomestici e i gadget di elettronica, in particolare smartphone.

In un caso come nell’altro, i prezzi sono così bassi che anche i principali competitor di Aldi già presenti sul mercato italiano, ossia i discount come LIDL, EuroSpin e Penny Market, ora stanno iniziando a diversificare il proprio target con prodotti di qualità più alta (come quelli della linea Deluxe di LIDL) per cercare di “catturare” anche clienti con maggiori possibilità di spesa.

Come fa Supermercati Aldi a potersi permettere di applicare prezzi tanto aggressivi? In Germania come nel resto del mondo uno dei segreti starebbe nell’efficienza del magazzino, che viene rifornito (e svuotato) con una frequenza molto alta e ridotto all’essenziale.

Il primo magazzino Aldi in Italia è vicino Verona, a Oppeano, e misura 370 mila metri quadri; da qui partiranno le direttrici di espansione della catena sul territorio del nostro Paese, con una presenza che si preannuncia massiccia in Trentino-Alto Adige (anche per familiarità di lingua e cultura con la casa-madre, Aldi Sud) e significativa in Veneto, Lombardia, Friuli

supermercato aldiAldi è una realtà che non investe grandi budget in marketing e pubblicità: gli sforzi vengono concentrati principalmente sulla selezione di prodotti di qualità, la formazione del personale e la creazione di un “format” del punto vendita che tipicamente ha dimensioni non molto grandi (intorno ai 1.000 metri quadri) e la stessa disposizione dei prodotti all’interno, così che ogni cliente possa orientarsi facilmente.

Aldi è stata anche al centro di un paio di scandali alimentari recenti: nel 2013 un fornitore si era messo a produrre lasagne con carne di cavallo anziché bovina, mentre questa estate l’insegna è tornata al centro della bufera (seppure non da sola) per le uova al fipronil. In un caso come nell’altro la risposta è stata tempestiva e molto netta, senza compromessi: ritiro della merce e cambio del fornitore.

Un altro degli aspetti che distinguono Aldi da altre catene e gli permettono di fare prezzi più bassi è la politica sulla varietà dei prodotti: se l’assortimento di un WalMart propone fino a 50.000 occorrenze diverse, nei supermercati Aldi siamo in genere intorno alle 1.000.

Non resta che la curiosità di vedere se il modello dei supermercati Aldi riuscirà a prendere piede anche in Italia, e come: se i tempi dichiarati saranno rispettati, non dovremo neppure attendere molto per scoprirlo.

Intanto cominciamo a tenere d’occhio il marchio, e se anche voi lo avvisterete e vorrete raccontarci le vostre impressioni lo spazio dei commenti qua sotto sarà a vostra disposizione 😉

Consigliati per te



Iscriviti alla nostra newsletter!

Ricevi gratis, una volta a settimana, offerte e aperture dei centri commerciali!

Informativa sulla privacy